Archivi del mese: settembre 2016

Cose che ho fatto, che avrei dovuto fare, che non ho più voglia di fare

Buongiorno,

mi sorprende piacevolmente notare che qualcuno ancora  lo leggiucchia questo blog. Mi strappa anche un sorriso il recente commento, calcolando la mia totale sparizione da un forum che ho bazzicato abbastanza per un certo periodo, perché ho il brutto vizio di esprimere pareri non richiesti. Grazie, ho molto apprezzato.  Questo piccolo segnale mi ha fatto venire voglia di “battere un colpo” su queste pagine. Vorrei tanto aggiornarvi con le mirabolanti avventure di un’adorabile (sì, sono adorabile, sapevatelo!) paranoica, ma fondamentalmente si potrebbe copia/incollare il post di luglio dello scorso anno. Vita sentimentale pressoché identica, così come la residenza. L’unico piccolo sussulto l’ha registrato il conto in banca, visto che tra primavera ed estate ho svolto un lavoro tritaneuroni, monotono e totalmente insoddisfacente, ma quantomeno lo stipendio era a quattro cifre (non pensate a robe incredibili, ma di ‘sti tempi vedere un 1 seguito da altri tre numeri non è malaccio). E ora sono di nuovo in quella tragicomicamente ricorrente fase della mia vita in cui non so che fare, in cui avrei voglia di cambiare tutto perché mi sento piccola e incompresa, ma sono travolta dalla sgradevole fissazione di essere una minuscola particella di sodio in acqua Lete. Ho un po’ la sindrome della damigella in pericolo, mettiamola così. Solo che non arriva il Principe Azzurro sul cavallo bianco a portarti il lavoro dei tuoi sogni e magari un buco in cui vivere all’ombra delle Due Torri (no, non quelle della Terra di Mezzo, quelle in Emilia). Sarebbe un’interessante rivisitazione delle fiabe classiche tra l’altro, una sorta di eroe 2.0, che ‘sta cosa del castello, il reame, la prigionia nel bosco e le matrigne sono un po’ troppo old-school oramai. Le donzelle al giorno d’oggi vanno liberate dal precariato, porca miseria. Vabbè, che di questi tempi pure il Principe Azzurro verrebbe assunto solo come stagista. Questo più o meno è quanto, un po’ un post generico di “raccordo”, se così si può chiamare. Avrei potuto scrivere un post lo scorso anno sul mio piccolo viaggio di agosto nei Balcani, ma vi farò solo presente quanto è bella Sarajevo. Anche perché ormai è un po’ tardi per parlare di quell’esperienza. Potrei invece, quasi verosimilmente, fare un piccolo resoconto delle ferie concluse da poco a Oporto e Lisbona; ma questo più avanti. Per intanto, ho battuto un colpo.

Annunci