Archivi tag: Movie

Inception

Dopo che mi era stato consigliato da più persone, lo scorso sabato sera ho finalmente visto Inception con Alice. Devo dire che mi apprestavo alla visione carica di pregiudizi, considerando la mia personalissima opinione sui film di Christopher Nolan da me visti in precedenza. Breve excursus in merito:

Memento: eccessivamente e inutilmente contorto, con quella storyline da mal di testa. Buona l’idea, confuso il risultato.

The Prestige: è un altro film che mi è stato consigliato da più parti, ma che, come giustamente profetizzato da Tatolino, non mi è piaciuto per niente. Anche stavolta buona l’idea di fondo, carina la storia di Tesla (che poi è David Bowie <3, altro motivo per cui ho visto il film), ma ridicolo il finale.

The Dark Knight: moralismo e fastidio. Le sensazioni che la visione di questo film mi ha lasciato  addosso si possono riassumere così. Ho visto il film per la performance di Heath Ledger, che manco a dirlo merita tutta, davvero eccezionale, coronata da un meritatissimo Oscar, purtroppo postumo, come Miglior Attore Non Protagonista. Il resto è noia e buoni sentimenti.

By the way, torniamo ad Inception. Innanzitutto, molto accattivante il concetto di fondo sulla possibilità di potersi inserire nei sogni degli altri per poterne rubare i pensieri o per poter far germogliare un’idea nella mente di un altro. Questo è il teatro in cui si intersecano le vicende dei personaggi, in primo piano si intreccia la storia di Saito, ricco magnate giapponese, il quale chiede a Cobb e alla sua squadra, di innestare nella mente di Robert Fischer, suo rivale in affari, l’idea di frammentare l’impero del padre morente, con quella dello stesso Cobb, sempre in bilico tra il mondo onirico e quello reale, dopo la morte dell’amata moglie Mal che ricerca nei sogni. Nonostante l’originalità e la complessità della trama non è affatto un film polpettone, insomma non è fatto solo di voli pindarici, teorie arzigogolate e romanticismo nostalgico, ma c’è anche una buona dose di azione, che mantiene alta l’adrenalina nello spettatore. Non vi annoierò con le infinite teorie sulla fine e sulle implicazioni della pellicola ognuno ci veda, se vuole, ciò che preferisce, concludo dicendo solo che l’ho trovato davvero un bel film. E poi…poi c’è lui, Arthur (interpretato da Joseph Gordon-Levitt)…il mio nuovo amore cinematografico, con quegli occhietti vispi, quelle fossette adorabili e quei completi dannatamente fighi. Non è bellissimo???

Annunci

Cattivissimo me

Locandina cattivissimo me

Come facilmente intuibile ho finalmente visto al cinema Cattivissimo me. Il film è decisamente carino e godibile. La trama non merita particolari menzioni per l’originalità, il che di questi tempi non è stupefacente. Ma personalmente preferisco un film dalla storia banale rispetto ad uno di quei film strampalati con intenti pretenziosi, ma che alla fine risultano delle boiate pazzesche. Mi viene in mente The Box, giusto per non fare nomi. Per tornare a Cattivissimo me, direi che mi ha convinto. Gru, il protagonista è geniale, simpatico, con una mimica facciale meravigliosa e quella dose di sfiga che non può non renderlo adorabile. Casa sua è una meraviglia, sia per come svetta tetra e alta rispetto alle casette fotocopia del vicinato, sia per l’arredamento (il divano coccodrillo è fantastico!) ed i congegni all’interno. Le tre bambine sono anch’esse riuscite, non eccessivamente patetiche nel loro ruolo di orfanelle sole, ma col giusto piglio  e intraprendenza. Il dottor Nefario, l’anziano inventore che si occupa dell’equipaggiamento tecnologico per i furti, è meraviglioso, con i suoi congegni, spesso grotteschi, sperimentati sui poveri aiutanti di Gru. Anche Vector, l’antagonista della storia, è ben realizzato, nel suo essere un bamboccione figlio di papà nerd sfigato che cerca di farsi spazio, tutto sommato fa simpatia. E poi casa sua è fantastica, con l’acquario sottostante al pavimento del soggiorno in cui nuota lo squalo e lo schermo gigante su cui gioca alla Wii. E poi ci sono loro: i Mignon. Sono gli aiutanti di Gru, ce ne sono a frotte e vivono nel laboratorio sottostante la casa, ideati e disegnati apposta per essere dolci ed adorabili riescono più che egregiamente nel loro ruolo. Sono fantastici. Un’unica osservazione negativa: il 3D. In questo film è francamente inutile, non ci sono effetti tali da renderlo strabiliante in nessuna delle scene, quindi pagare di più per starmene un’ora e mezzo con gli occhialoni da 3D sopra gli occhiali da miope (cosa piuttosto scomoda) per non avere nulla di più…beh ecco, mi dà un po’ fastidio. Per il resto consigliatissimo a chi vuole un film simpatico e senza tante pretese per passare una serata piacevole e divertente.

P.s. sì, lo so…cosa ci devo fare se a 23 anni ancora mi piacciono i cartoni animati?!

Film inutili!


Questa sera sono stata al cinema con Lau a vedere Wanted e…devo confessarlo: ho una passione stupida, incontenibile, ingiustificata per i film del cazzo in cui la trama è scontata come il panettone a Natale e il suo unico scopo è quello di far sì che i protagonisti si sparino addosso, perdano litri di sangue, si salvino in situazioni improbabili e arrivino freschi e pronti alla scontatissima resa dei conti finale, lasciandosi alle spalle una scia di morti più o meno coinvolti!!! Poi vabbè, il fatto che ci sia quel bel figliolo di James McAvoy non nuoce affatto al tutto (per gli amanti del genere femminile c’è Angelina Jolie, che ci sembra nata per questi ruoli “alla Lara Croft”)! Decisamente stupido e poco impegnativo, ma meraviglioso per passare una serata al coperto mentre fuori piove…è il tipico esempio di film del cazzo fatto bene! E poi io voglio sposare James McAvoy!!!!! A bocca aperta

SHREK I LOVE YOU

Grande orco verde grazie di esistere…e grazie pure al mio vicino di posto!

Se mi lasci ti cancello

How happy is the blameless vestal’s lot!
The world forgetting, by the world forgot.
Eternal sunshine of the spotless mind!
Each pray’r accepted, and each wish resign’d.
dall’opera Eloisa to Abelard di Alexander Pope

Ieri sera ho guardato il film “Se mi lasci ti cancello”…dovrei evitarli io certi film, lasciano addosso una certa amarezza. Quando si parla di ricordi, di eventi cancellabili, di destino. Mah…non so, resto sempre un po’ perplessa.  Ci ho pensato troppo ai ‘se’ e ai ‘ma’ della mia vita ed ho fantasticato un sacco anche su come sarebbe se potessi rimuovere dai miei poveri neuroni, tutto ciò che certe stronzate significano per me. In merito, riporto due frasi di Nietzsche, quella grandissima testa matta: “Beati gli smemorati perché avranno la meglio anche sui loro errori” (frase anche questa citata all’interno del film), ma alla stesso tempo “Soltanto ciò che non cessa di dolorare resta nella memoria”(da Genealogia della morale). E allora, quale miglior rimedio alla sofferenza, se non l’oblio della dimenticanza? Ma ne vale veramente la pena? Chi non riesce a fare i conti col suo passato, non riuscirà mai ad essere se stesso.  Bisogna guardare in faccia la realtà e anche se fa male (e cazzo se ne fa a volte), non si può farne a meno, perché a lungo andare è molto peggio. Giusto per dirla ancora con Nietzsche, è un crudele universo che danza sui piedi del caso, ma ciò che non uccide ci rende più forti. La verità, o meglio quell’insieme di illusioni di cui si è dimenticata la natura illusoria che noi accettiamo come convenzioni stabili e reali, va affrontata, perché altrimenti viene a reclamarti! Mettere “la polvere sotto il tappeto” non è una soluzione, bisogna aprire le finestre e aspettare che aria nuova arrivi. Perché anche se non cessa di far male, lentamente il dolore diviene parte di noi, ci fa crescere…ci rendi migliori? Non lo so, migliori non saprei, non mi sento in grado di dare giudizi di valore, ci rende soltantoun po’ più adatti…Cmq, il film è da vedere, secondo me! Jim Carrey nei ruoli seri si esalta, è straordinario! E poi, aiuta a capire che le cose vanno come devono andare, non bisogna forzare la mano al grande Caos che aleggia un po’ ovunque…”Siate pronti, poichè non sapete nè il giorno, nè l’ora…” sembra una citazione apocalittica, in realtà è presa da “Jack Frusciante è uscito dal gruppo“…le cose accadono e noi non possiamo contrastarle. Tutto qui…