Archivi tag: Seghe mentali

Denatalità

Se qualcuno ha letto il blog con una certa frequenza o se ha scorso qualche articolo un po’ meno recente, non avrà mancato di notare che non sono la fan numero uno del genere umano. So di averlo fatto presente in più circostanze, ma la mia ottennale stramba relazione col signor Tatolo nasce grazie all’aforisma bukowskiano “Umanità mi stai sul cazzo da sempre, questo è il mio motto”. Insomma, forse gli ultimi post sono stati un po’ fuorvianti, perché piuttosto neutri, ma sono un essere umano  complicato e scontroso, caratteristiche che forse si evincono dal post “Trained monkey”. E, a proposito del buon Hank e della mia attuale occupazione, ci sarebbe da scrivere “School office”, che non avrebbe assolutamente nulla da invidiare a “Post office”. Ma ho il vago sentore di aver già detto una cosa del genere, perdonatemi è un momento piuttosto difficile per me dal punto di vista intellettivo. Anche per un sacco, sacco, sacco di altra gente che ho intorno, ma almeno loro non lo sanno, io, ahimè, ne sono fin troppo consapevole.

Involontariamente, quest’ultima parte di quest’introduzione un po’ così, si è rivelata un ottimo tramite per esprimere un ennesimo parere non richiesto che, com’è facilmente intuibile, rimanda al titolo. Sarebbe fin troppo facile giocare sull’impossibilità di trovare parcheggio, sullo stare in fila nel traffico, sul prenotare una qualsiasi visita medica, sul prendere un treno e perfino sul fare la fila alla cassa. Credo che molto pochi di noi, nella loro vita quotidiana, abbiano la percezione di una qualche carenza nella produzione di esseri umani. Ma, ci dicono, in Italia si fanno sempre meno figli e da qui partiamo, prendendo per buona quest’affermazione.

Non ho voglia di parlare di numeri. Non ho voglia di stare a sviscerare il fatto che sul Pianeta siamo più di 7 miliardi e nel complesso non stiamo affatto diminuendo. Non ho voglia di parlare di costi, previdenza sociale, invecchiamento della popolazione e “ommioddio qualcuno pensi al patrimonio genetico italiano, salviamo l’italianità dall’estinzione” e altre farneticazioni del genere. Tutto probabilmente molto giusto, ma tutto estremamente ‘sticazzi. In milioni di anni nella storia dell’umanità si sono succeduti popoli e razze e la Terra ha continuato a girare. Struggetevi voi per la pizza e Dante, io credo nella Grande Irrilevanza del particolare, all’interno del grande meccanismo del Flusso Cosmico. Ho pure fatto pace con l’horror vacui.

Io, nella mia infinita presunzione, vorrei provare a dare una prospettiva, al solito estremamente personale, che vada al di là dell’aspetto economico, femminista o strettamente sociologico. Io non mi sono mai interessata ai grandi mutamenti della struttura familiare, dei rapporti personali, della condizione della donna nella società moderna e bla bla bla. Sono figlia di un goldone bucato o di un coito interrotto mal riuscito, chi lo sa, non ho alcun tipo di background per farmi un’idea su un contesto domestico come dovrebbe essere. (Non ce l’ho anche per una serie di altri motivi, ma non sono interessanti né da leggere, né tanto meno da raccontare).

Io, molto più basilarmente, ho osservato con il mio sguardo distorto la realtà e mi sono posta delle domande. Mannaggia a me e agli interrogativi ai quali non riesco a sottrarmi. E mi sono chiesta come si legittima questo gran parlare di culle vuote. E mi è tornato in mente Schopenhauer, tutto questo blaterare di fertility day e di necessità di riprodursi, mi ha fatto ripensare alla Vita come Volontà il cui solo scopo è perpetrare se stessa. E se proprio vogliamo dirla tutta, sarebbe anche umanamente semplice e consolante. Ma se devo guardare i miei genitori o la stragrande maggioranza di chi ho intorno, io, nel loro vivere da soli, andare a lavorare, guidare nel traffico, fare i pranzi di Natale ecc. non vedo niente di buono in sé. Cioè, se io devo alzarmi la mattina, starmene in ufficio maledicendo ogni cellula del mio corpo, per guadagnare dei soldi, mettermi un tetto sulla testa e dare vita ad un’altra generazione…anche no. Perché se non lo faccio io, ci sono altri miliardi di persone che lo fanno. E non c’è niente di buono, né meritevole, né originale in tutte le politiche familiari immaginabili. Cioè, ma come diamine fanno “tutti loro” a pensare che la loro insulsa, immutabile, stantia routine valga la pena? Perché io ho solo voglia di tirare le testate contro il muro. La società non può legittimarsi semplicemente con il suo costante sussistere. Abbiamo bisogno di pazzi, visionari, persone che hanno progetti che vadano oltre lo spingere carrozzine e aprire mutui per case a schiera.

Tuttavia, mi rendo conto che giro sempre intorno alla stessa cara ossessione, senza fare nulla per sfuggirci. Che sono stanca di meccanismi ai quali non ho mai fatto poi molto per sottrarmi. Che sono sempre e solo stata in un angolino a compatirmi. Che questo è l’ennesimo, ciclico, post di rabbia e disprezzo pseudoadolescenziale e alla soglia dei 30 o ti sottrai o ti arrendi. Amen.

P.s. Arriverà anche l’ultimo post sul Portogallo. Solo che l’inizio anno, il rientro in ufficio e la vita che ti passa sulla schiena come un trattore mi hanno debilitato nello spirito. Sì, insomma, niente di più, niente di meno, rispetto alle “cicliche fasi di paranoia e pessimismo, senza motivo apparente” con cui mi presento in “About”.

Annunci

Twice

Avrei voluto sorvolare. Avrei voluto sorvolare per un’infinità di ragioni: per il tempo trascorso, per il fiume di parole già a suo tempo tracimate dagli argini della mia psiche malconcia, per la mia situazione sentimentale attuale, per l’inutilità di tutto questo. Una decina di giorni fa circa ho sorvolato sul meraviglioso incontro. Ritrovarmelo davanti nell’arco dello stesso mese, mi sembra troppo surreale per non scriverne. Di chi sto parlando? Miei cari lettori (?!) dell’ultim’ora, dovreste farvi un giro sull’archivio ante-2008 di questo blog per capire di chi parlo. Perché il protagonista più o meno latente, agli albori di questo sito (che ai tempi era un qualcosa tipo elucubrazioni.livespace.com), è stato lui. Sempre lui. Lui, coi suoi occhi malsanamente azzurri (che mi scatenano sempre turbini di imprecazioni), lui col suo modo di parlare, lui col suo sorriso timido, lui con la sua mimica facciale, lui e i suoi capelli (un po’ meno in realtà) castano rossicci. Insomma, lui…in tutta la sua “cipollinitudine” . E alla fine, basterebbe andare a ripescare uno di quei post (e sono certa ce ne sarà almeno una decina) e riproporlo. Ma no, perché…perché sono passati 8 anni, 5 mesi e 11 giorni dal fatidico 17 febbraio 2005. Perché dopo la maturità e “quella” lettera l’ho “perso”. Perché l’ho rivisto verso Capodanno 2010, ho provato a chiedergli di restare in contatto, ma niente. Perché nel frattempo ho un moroso che amo da 4 anni e mezzo. Ma nonostante tutti questi perché che rendono diversa la situazione, penso che le emozioni potrebbero essere più o meno le stesse. Le sensazioni tipo 9 giugno 2007, quando dopo non ricordo che evento studentesco ed il concerto di Frankie Hi-nrg abbiamo fatto tipo “Lilly e il vagabondo”  raccogliendo i cavi sul palco, quando per qualche secondo ci siamo abbracciati e io ricordo chiaramente di aver pensato “All I ever wanted, all I ever needed is here in my arms”. E ancora una volta, di nuovo, ho bisogno di fissare con le parole questa “cosa”. Ho bisogno di lasciare traccia delle mie mani che ancora tremano vicino a lui. Ho bisogno di lasciare traccia del Nulla che mi attraversa quando lo sfioro. Ho bisogno di lasciare traccia dell’insensata felicità che mi pervade all’idea della sua esistenza. Ho bisogno di lasciare traccia che incrociarlo scatena nella me 26enne laureata inoperosa, le stesse identiche sensazioni che dirompevano nella non ancora 18enne liceale nichilista. E diamine, quando scrivevo del “per sempre” di cui questa strana straziante vicenda mi è sempre sembrata intrisa, non immaginavo fosse così intenso anche a distanza di anni. Innamorarmi di lui ha cambiato irrimediabilmente il corso della mia esistenza e questo l’avevo capito anche in quella fatidica mattinata di autogestione. Quello che non potevo prevedere era quanto sarebbero perdurati altri aspetti della vicenda. E a questo punto, da innamorata ricambiata e morosa convinta e fedele, rimane ancora più deleterio tentare di connotare il tipo di “sortilegio” che mi lega   a questo “strazio” di gioventù. Sarà che l’empatia di fondo è talmente radicata da non sentire il tempo che passa. Sarà che, al di là di ogni stupida retorica, lui mi ha realmente cambiato la vita. Sarà che ha tenuto in ostaggio i miei neuroni per più di 3 anni. 8 anni fa tutto questo lo chiamavo Amore. Ora non lo so. Perché l’Amore per me si chiama Tatolino. E quindi? Alla fine, so che non dovrebbe importarmene nulla. Se una volta morivo dalla voglia di assaggiare il sapore delle sue labbra (e diamine quanto c’ho fantasticato), ora assolutamente no. Eppure, pur senza la componente fisica, so che se lui facesse parte della mia vita, mi sentirei un po’ meno smarrita, un po’ meno spaesata (o forse sarebbe il caso di dire “impaesata”? xD) e il mondo mi farebbe un po’ meno schifo. In ogni caso, sia come sia…la sensazione della mia guancia contro la sua barbuta per i  classici bacini di saluto, sarà un pensiero che mi strapperà un sorriso per le settimane a venire. Perché per la parte di me che è rimasta intrappolata nei suoi occhi un giovedì del 2005 il tempo sembra non passare mai. E, ora come allora, se da un lato questo mi turba immensamente, dall’altro mi fa sorridere come una povera stronza. E non mi resta altro che dirmi va bene così e ringraziare non so chi per averlo messo sulla mia strada.

Il rosso e il nero

“Nella sua anima satura trovava soltanto Mathilde padrona assoluta della sua felicità e della sua immaginazione. Aveva bisogno di tutta l’energia  del suo carattere per mantenersi  al di sopra della disperazione. Pensare a ciò che non aveva alcun nesso con la signorina de La Mole era fuori dal suo potere. L’ambizione e i semplici successi di vanità un tempo lo distraevano dai sentimenti che la signora de Rênal gli aveva ispirato. Mathilde aveva tutto assorbito; egli la trovava ovunque nel suo avvenire”.

Dopo più o meno un secolo si riparla di libri su questo blog, finalmente ho trovato un romanzo degno di una certa attenzione. Adoro lo stile dei romanzieri ottocenteschi, soprattutto adoro lo spessore psicologico che riescono a dare ai loro personaggi. Ci sono ancora buoni scrittori al giorno d’oggi, capaci di comporre storie coinvolgenti, di raccontare vicende interessanti, di riempire pagine di emozione e di avere uno stile più che apprezzabile. Non sto dicendo con brontolio nostalgico che la letteratura è morta, ho sempre letto soprattutto i contemporanei e continuerò a farlo. Però i grandi personaggi tormentati del romanzo ottocentesco non si ritrovano più, difficile al giorno d’oggi trovare un Ivan Karamazov, uno dei miei più grandi amori letterari, oppure, poiché del capolavoro di Stendhal parliamo, un Julien Sorel.

La trama de Il rosso e il nero non sto a raccontarvela, la trovate tranquillamente su Wikipedia, più che altro vorrei soffermarmi su tormenti interiori del giovane abate francese. Probabilmente questo romanzo mi ha preso così tanto perché sento delle affinità elettive con il suo protagonista, mi sembra di provare una certa empatia nei confronti del minore tra i fratelli Sorel. Ed in particolare la frase che ho citato mi ha fatto venir voglia di scrivere questo post, perché ricorda da vicino i toni di molti dei miei post di4 anni fa. Di acqua sotto e sopra i ponti ne è passata tanta: chilometri in treno, pianti, risate, amore, baci, tenerezze, discussioni…rispetto a “quegli” anni il mio stato psicologico è fortunatamente molto diverso. Eppure frasi come questa mi riportano ancora “lì” col pensiero, a dimostrazione di quanto non mi sbagliassi quando affermavo che non posso e non potrò mai prescindere da quel periodo, da quel sentire, da quell’Amore così straziante, così grande, così viscerale. Io capisco perfettamente le sensazioni provate dal povero Julien, comprendo fin troppo bene la sensazione di “aveva tutto assorbito”. E’ quel genere di cose che stravolgono la vita, dopo di esse niente può più essere come prima, sono parte di noi, ci influenzano un po’ in tutte le nostre scelte successive. Io credo non si ami mai due volte nella stessa maniera, perché è lo stesso amare qualcuno a cambiarci e soprattutto l’innocenza, la fragilità, l’inesperienza del primo amore non si ritrovano mai più. Non che questo sia necessariamente un male, intendiamoci. Per quanto sia stato a suo modo meraviglioso ciò che è stato, per nulla al mondo lo cambierei con ciò che è ora. Solo, mi piace ripensarci ogni tanto e frasi come questa mi riportano inevitabilmente indietro a quelle mattine di quarta e quinta superiore, a quegli occhi, a quella voce, a quella persona a cui continuo ad augurare tutto il meglio dalla vita.

Elucubrazioni

Ordunque…visto che oggi ben 4 persone sono capitate su questo blog alla ricerca del significato del termine “elucubrazioni” e visto che dopotutto questo è il titolo di questa mia pagina di delirio vediamo di dare una definizione. Allora, citando testualmente dal dizionario di italiano del sito del Corriere della Sera: elucubrazione [e-lu-cu-bra-zió-ne] s.f. Applicazione lunga e minuziosa della mente a un oggetto astratto SIN meditazione; usato anche in senso ironico o scherzoso”. Più in generale personalmente intendo con elucubrazione qualsiasi peregrinazione mentale senza una finalità pratica e/o precisa. Insomma, elucubrare vuol dire farsi dei gran segoni mentali. Potevo forse dare un titolo migliore? 🙂