Archivi tag: Social Distortion

Concerti #2

Mentre le speranze per i Blink 182 il 3 luglio  a Milano sono ancora in bilico, direi che per gli altri due concerti del luglio meneghino c’è poco da fare: non c’è nessuno che venga con me. Però…sul fronte concerti ci sono due buone notizie: (quasi) sicuramente andrò a vedere

  • The Killers, 31 agosto, Castello Scaligero di Villafranca di Verona

Ah…in teoria dovrebbe essere nell’ambito dell’A Perfect Day Festival (i giorni successivi suonano come headliner rispettivamente i Franz Ferdinand, che non mi piacciono, e i Sigur Ros, che volevo vedere, ma non posso per il motivo  riportato qui sotto), quindi oltre a loro dovrebbero esserci anche altri gruppi.

  • Independent Days Festival, 2 settembre, Arena Parco Nord di Bolgna

Che dei Green Day me ne frega fino ad un certo punto, degli Angels&Airwaves live nella vita credo di poter fare a meno…ma porca puttana, è dal bidone che mi hanno tirato per l’edizione del 2005 che io attendo di vedere live Mike Ness e soci! Quindi, speriamo.

Dopodiché, postilla sul “resto”: sono in uno stato mentale abbastanza orrendo, uno di quelli in cui mi vien voglia di scavare un tunnel e sbucare chissà dove. E’ uno di quei periodi da “anywhere but here”. Come sempre passerà, senza che nulla cambi. E’ che forse non sto male abbastanza e il non star bene non è sufficiente a portare al cambiamento. A parte questo, tra una settimana inizio il Servizio Civile in una rivista che si occupa di storia e cultura locale. Non che sia il top della mie aspirazioni, ma quantomeno è un’occasione per far esperienza e portar via competenze utili in ottica futura. Ah…e giusto perché il mio nickname deriva da una loro canzone, vorrei far presente che mi dissocio dalla partecipazione degli …A Toys Orchestra al programma di Fabio Volo. Una volta ho anche provato a guardarlo, proprio per vedere loro, ma è insostenibile: vuoto travestito da contenuto. 

Annunci

Odio

“L’odio è un liquore prezioso, fatto col sangue, l’onore e due
terzi del nostro amore”

-Charles Baudelaire-

Credo si tenda a sottovalutare il
valore dell’odio, al giorno d’oggi si abusa di questo termine con troppa
leggerezza; come tutti i sentimenti anche questo merita rispetto, per il suo
potere di assumere, talvolta, il completo controllo di una persona e
soprattutto perché l’odio, quello vero, nasce soltanto dove prima c’era già un
legame: non si può odiare una persona di cui non ce ne frega assolutamente
nulla, odiamo soltanto quelli che sono vicino a noi e ci hanno fatto del male e
tanto più vogliamo loro bene, tanto più li odiamo. Io, dal mio piccolo colle
poggiato sulle pianure dell’Assurdo, posso dire di aver odiato due persone,
entrambe troppo importanti per me (probabilmente le più importanti) ed entrambe per motivi sbagliati, ma non c’è
nulla di razionale nell’odiare qualcuno, quindi i motivi non contano. Secondo
me, è sbagliato dire che l’odio allontana le persone, perchè, per come la vedo
io, ci si sente molto legati a colui o colei che suscita in noi questo potente
sentimento. O forse questa mia visione è dovuta soltanto al fatto che le uniche
due persone che si sono meritate il mio odio (ripeto, ingiustamente e lo so),
sono la mia migliore amica e “lui”, quello stesso “lui” che aleggia di tanto in
tanto nel corso degli interventi sul blog. In fondo, mi dispiace averli odiati,
ma come già dicevo prima, non c’è una base logica all’odio, non può esserci,
perché altrimenti darebbe un senso alla questione ed alle volte, semplicemente
non è comprensibile ciò che accade…il simpatico mondo delle passioni che tanto
preoccupava Spinoza potrà pure essere indagato con rigore scientifico, ma resta
comunque senza via di scampo. Ad ogni modo, suonerà paradossale (ci sono
abituata, ormai il paradosso è un elemento ricorrente nella mia vita), ma sono
assolutamente felice di aver odiato quelle due persone, perché, in fondo, mi ha
aiutato a capire quanto fossero fondamentali per me.

Cmq, a proposito di sentimenti…

Cold Feelings

by SocialDistortion

Uninvited feelings
They come without warning and they stay too long
I don’t wanna feel, and if I run they’ll be twice as strong.
I wait for a warning, I’m waiting for some kind of sign,
I try to separate , Try to separate my body from my mind.
I watch the clock as the second hand slowly goes strolling by.
I don’t want to feel
When a loved one’s time comes to die
I wait for a warning,
I’m waiting for some kind of sign
I try to separate, try to separate my body from my mind.
[Chorus:]
Cold feelings in the night
You know, this feeling just ain’t right.
And though I try I just can’t hide
Cold feelings in the night
Yeah I got faith,
But sometimes fear it just weighs too much I don’t want to feel,
Cold winds blowin’ through me with an icy touch.
I wait for a warning, I’m waiting for some kind of sign.
I try to separate,
Try to separate my body from my mind.
[Chorus:]
Cold feelings in the night
You know, this feeling just ain’t right.
And though I try I just can’t hide
Cold feelings in the night
[Repeat chorus]

P.s.: Spero prossimamente di poter scrivere cose un po’ meno contorte,
serie e vagamente deprimenti! Prometto solennemente cercherò di essere un po’
meno paranoica…purtroppo però è quella la mia natura, non garantisco nulla…

P.p.s. Ah…dimenticavo…Lau, come sempre io e te 3mst!