Archivi tag: Musica

Teenage memories

A volte mi capita la sensazione di essere imprigionata nei miei terribili 14/15 anni. Il sentirsi fuori posto, il mondo che fa schifo e bla bla bla. E ora, come allora, loro mi salvano, mi fanno ridere, canticchiare, sentire bene. Non c’entra molto la musica, ovviamente rispetto all’adolescenza i miei gusti sono cambiati, però…il primo amore non si scorda mai.

Annunci

Evviva…

30/05/2008 – Vanilla Sky di supporto ai Bad Religion

Vanilla SkyDopo avere aperto lo scorso anno i concerti italiani di Good Charlotte ed Avril Lavigne (oltre a quelli di Ataris nel 2004 ed Offspring nel 2005), i Vanilla Sky suoneranno il 16 giugno anche in supporto ai Bad Religion in occasione del loro concerto al Rolling Stone di Milano.

Il gruppo continua la promozione del suo ultimo album "Changes", uscito lo scorso giugno per Universal.
Il quartetto ha da poco fatto rientro in patria da un breve tour
europeo che lo ha visto suonare anche in Turchia, Polonia, Ucraina,
Russia ed Austria (al Give It a Name Festival), mentre in marzo è stato anche ospite di una trasmissione giapponese sul canale nazionale NHK.

(http://www.punkwave.it/news/vanilla-sky-di-supporto-ai-bad-religion.php)

Ora, io contro i Vanilla Sky non ho nulla, ma anche i signori dell’Indipendente, come possono pensare di far aprire a 4 piccoli "pop-punkers" per un gruppo come i Bad Religion?! Il prossimo passo cos’è, far aprire un concerto dei Metallica a Cristina D’Avena?! Ma dai, per piacere…

Tori Amos

So che la prima volta che ho ascoltato una canzone di Tori Amos (per dovere di cronaca era la sua cover di Enjoy the silence, che a me fa ancora venire la pelle d’oca tutte le volte che l’ascolto http://www.youtube.com/watch?v=pCuQ4h2FeIg)  l’ho fatto per il motivo sbagliato (ma poi proprio COSI’ sbagliato?!), ma poi me ne sono innamorata totalmente e incondizionatamente. La adoro. E’ veramente un’artista fantastica e oserei dire unica nel suo genere, anche se un pochino ha fatto scuola (Amanda Palmer dei Dresden Dolls e Fiona Apple probabilmente senza Myra Ellen a fare da apripista non sarebbero esistite). Odio che mi piaccia così tanto, mi urta i nervi!!!

You’re my Waterloo

Si dice Waterloo e subito si pensa alla fine dell’impero di Napoleone, ad un batosta militare, ad una battaglia che forse ha cambiato radicalmente il corso della storia. Per estensione, si associa questo nome ad ogni perdita, ad ogni momento della vita che ne ha compromesso una tranquilla prosecuzione, che l’ha resa radicalmente diversa da quello che avrebbe potuto essere. Sarà che mi fa ripensare a Pete e Carl insieme, sarà che mi fa ripensare alla mia Waterloo personale (alle mie molteplici Waterloo personali), sarà che sono (diventata) una donnina maledettamente melensa, ma questa canzone mi ha stretto il cuore…anche perché le parole con cui inizia sono una vera pugnalata “You’ll never fumigate the demons, no matter how much you smoke…“. Sì, la vita continua, ogni giorno, ma non si può certo dire che non sia faticoso anche soltanto respirare…

 

Pillole di saggezza, o quasi

Ma il vero nome di Erasmo da Rotterdam, era Gerrit Gerritszoon oppure Geert Geertsz?! Oddio, in entrambi i casi credo che i suoi genitori non gli volessero un gran bene…dai, poverino, chissà come lo pigliavano per il culo da piccolo! Ad ogni modo il nome non gli ha impedito di dire delle grandi cose: “Osservate con quanta previdenza la natura, madre del genere umano, ebbe cura di spargere ovunque un pizzico di follia. Infuse nell’uomo più passione che ragione perchè fosse tutto meno triste, difficile, brutto, insipido, fastidioso”…sul “meno difficile” ho i miei seri dubbi, per il resto non potrei essere più d’accordo! Poi, beh, mi sento un po’ in dovere di mettere il testo di una delle canzoni che fa da colonna sonora e contribuisce attivamente al mio strano umore felice…ancora lui, Patrick Wolf!
Don’t say no
I used to say just follow your heart
But my heart always led me in circles
and i used to say just follow your dreams
but my dreams always led me to murder
so now i don’t say nothing at all
i just bow my head to the battle
a thousand miles above our heads 
they are weaving 
giant currents around the sun
if you’re brave enough you’ll just let it happen
if youre brave enough you’ll just succumb

Dont say no to it
You cant say no to it

just throw yourself in
just give yourself in
to the pattern

a thousand miles above our heads
they are bleeding
mighty currents uopn the day
if youre brave enough you’ll just let it happen
if youre brave enough you’ll give yourself away

Dont say no to it!
You cant say no to it!

Un po’ di cose…

L’altro ieri ho avuto una mezza crisi isterica: non sopporto il fatto che viviamo in “ruffianocrazia”. Sono un pochino troppo idealista per stare bene al mondo, a volte me ne rendo conto. Ciò non toglie che mi dà fastidio, sarà che sono troppo presentuosa per leccare il culo, preferisco non ottenere ciò che voglio che ottenerlo a certi prezzi. Sono una persona contraddittoria, ma coerente nelle sue contraddizioni. Io sono quel che sono e non mi importa se agli altri non va bene, io non cerco di rabbonire le persone, se mi girano i cinque minuti mordoA denti stretti! A fanculo i grandi traguardi, io detesto i compromessi, soprattutto quelli che non vale la pena fare, ovvero il 99% dei casi (mi ritrovo abbastanza nella definizione di “cinico” che dà Nonciclopedia). Il mio slogan?! Sempre quello…”Fuck forever, if you don’t mind”. E…a proposito, domani Babyshambles…oddio, wow…non vedo l’ora! Peeeeeeeeeeete, arrivoCuore rosso! Inoltre, giusto per ricollegarmi ad un intervento di qualche tempo fa, mr. Doherty ama i gatti e questo le rende ancora di più un uomo adorabile, (vedi foto: quello dev’essere uno dei suoi numerosissimi mici, Littlepotatos, nome allucinante per un gatto, ma è Pete). Infine, la mia ultimissima ossessione,  di un paio d’ore fa. Quello coi capelli rossi è Patrick WolfCuore rosso e continua la tradizione degli uomini ambigui, ma perché?! Certi gusti, solo io…Comunque, aspetto..ehm…eccentrico a parte, il ragazzo (24 anni) ha una gran bella voce, del talento ed è già al terzo album. Poi suona piano e violino e non so bene cos’altro. Mammma mia questi inglesi…se penso al nostro cosiddetto “Belpaese” piango, le nuove leve della musica italiana sono i FinleyNauseato! Disgusto! Non che prima fossimo messi meglio…non me ne vogliano i fan, ma la Pausini, Ramazzotti, Antonacci, Ferro ecc. non sono esattamente il mio genere. Sigh…! Da noi un signor Wolf (no, non quello di Pulp Fiction) nascerà mai?! Chi sono gli eredi dei grandi cantautori (parlo di De Andrè, che purtroppo ci ha già lasciati, Guccini e De Gregori che non credo siano eterni) italiani?! Qualcuno uscito da Amici?! Io avevo grandi speranze nelle Lollipop, ci sono rimasta male quando…a proposito, che fine hanno fatto?! A bocca apertaMa per favore…! Bisognerebbe andare a vivere nelle terre della vecchia Albione, loro non hanno gente come CalderoliNauseato (giusto per fare un nome solo, ma ce ne sarebbero tanti) in Parlamento e invece hanno gruppi, anche emergenti, di tutto rispetto.  E se mi trasformassi in un gatto e mi presentassi alla porta del signor Doherty?! Sarebbe un’idea…Anche perché Silvio tornerà al GovernoArrabbiato, temo, e la situazione potrà solo peggiorare…e pensare che più in basso di così, c’è solo d scavare. Medioman…aiutaci tu, non ci resta altro! Ultimissima cosa, vorrei fare un inchino (semi) pubblico agli appunti di Luca…se non ci fosse bisognerebbe inventarlo (o presentarsi a lezione sempre e comunqueA bocca aperta) , grazie, grazie, grazie!
 
 

E’ ufficialeeeeeeeeeee!

2 febbraio…Bologna….Estragon…
Babyshambles….PEEEEEEEEEEETEEEEEEEE!Cuore rosso

Anno nuovo…Vali vecchia!

“You are one of God’s mistake
you crying tragic waste of skin”
“Song to say goodbye”, Placebo

Io adoro questo pezzo di canzone…mi piace veramente tantissimo, come può qualcosa essere così vero, disgustoso e poetico?! Me lo chiedo da troppo, ormai; su tante cose. Che poi può essere riferito a chiunque…io la sento abbastanza mia come affermazione, un po’ mi rispecchia. Carenza di autostima?! No, io no, mai, anzi forse ne ho troppa…mi sento solo una persona “fuori contesto” (la famosa “cipollina sottaceto nella macedonia di frutta”), non sempre adatta al ruolo di essere vivente, tutto qui! Cinica io?! Sì, tanto…ma credetemi, sarebbe peggio non lo fossi, se partecipassi un po’ di più al flusso delle cose che scorrono, o io o il flusso faremmo una brutta fine e temo sarei io ad avere la peggio. Cinica per sopravvivere, mi piace considerarmi così. Ma che cazzo c’entra Ginny Weasley questo non l’ho capito…boh…cosa fa nel 6 libro di Harry Potter?! Al momento non ho il tempo di rileggerlo (mi piacerebbe, ma c’è Tocqueville  da studiare!)…forse un giorno capirò. Forse un giorno capirò tante cose. Probabilmente no, ma va bene così. Love a tutti…buon 2008!

Chissà…

Ma perché quando non c’è il “marchio” Smashing Pumpkins, Billy Corgan si sente legittimato a fare delle merdate?! Solo in questi giorni ho ascoltato il suo cd solista…o meglio, le prime 5 canzoni del cd solista, poi ho smesso: non volevo farmi del male, non volevo infangare l’opinione che ho della sua geniale crapa pelata. Adoro la sua voce, adoro il suo modo di cantare, adoro il suo modo di comporre, adoro i Pumpkins…ma cazzo, così non si può! E che non ho ascoltato il cd degli Zwan (gruppo durato il tempo di un cd e noto, forse, per il singoletto insulso “Honestly”…mi pare), che dalle recensioni sembra anche peggio! Mah…forse il fatto è solo che bisogna rassegnarsi all’idea che la vita artistica non coincide con quella fisica, dopo un po’ le idee iniziano a latitare un po’ per tutti. Eppure l’ultimo cd degli Smashing Pumpkins (o meglio di quelli che si fanno chiamare così…) non è male. Speriamo bene…in fondo Billy ha solo 40 anni!
 

I sooo love this song…

 

Dirty Pretty Things -Deadwood

And the years of my life,
Some they were so good,
But now and again I feel
I was a coward
Are the holes in my soul
In tatters for all these tears
Well you don’t see it that way